Come fare per


Vendita con e senza incanto (per procedure esecutive mobiliari e immobiliare)
Cos'è

È la possibilità di acquistare beni immobili per i quali è stata disposta la vendita. Per i beni immobili si riportano di seguito le condizioni e modalità della vendita senza incanto e con incanto.

CONDIZIONI E MODALITA’ DELLA VENDITA SENZA INCANTO

La predetta vendita avrà luogo al prezzo base e con le offerte minime in aumento innanzi indicati ed alle altre condizioni e modalità di seguito riportate.

1) Le offerte, in bollo da 16,00, a pena di inefficacia debbono pervenire presso lo studio del professionista delegato, entro e non oltre il termine delle ore 12.00 del giorno precedente quello indicato nell’Avviso di vendita per l’esame delle offerte e non possono essere inferiori al prezzo indicato.

2) Le offerte debbono essere depositate in busta chiusa all’esterno della quale saranno annotati, a cura del professionista delegato, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell’esecuzione e la data fissata per l’esame delle offerte.

3) Le offerte debbono contenere: cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale/partita i.v.a., domicilio, stato civile, recapito telefonico di chi sottoscrive l’offerta (il quale avrà altresì l’onere di presentarsi il giorno fissato per l’esame delle offerte ai fini della partecipazione all’eventuale gara prevista dalla legge). In caso di offerente coniugato in regime di comunione dei beni, vanno indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. In caso di offerente minorenne, l’offerta va sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del giudice tutelare; i dati identificativi del bene a cui si riferisce l’offerta; il prezzo offerto, non inferiore al prezzo base indicato nell’ordinanza di vendita diminuito di un quarto; il termine, non superiore a centoventi giorni dall’aggiudicazione, per il versamento del saldo del prezzo e degli ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita; in mancanza di indicazione, il termine si intenderà di centoventi giorni; la dichiarazione espressa di avere preso visione della perizia di stima; ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta;

4) La deliberazione sull’offerta avverrà il giorno ed alle ore indicate nell’Avviso di vendita nell’aula di udienza del Giudice dell’esecuzione immobiliare del Tribunale di Trani, al 1° piano del palazzo di giustizia sito a Trani in Piazza Trieste.

5) Ognuno tranne il debitore, è ammesso ad offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma.

6) Le offerte, a pena di inefficacia debbono essere, altresì, corredate dalla cauzione determinata in misura non inferiore al 10% del prezzo proposto dallo stesso offerente.

7) La cauzione deve essere versata, a mezzo di assegno  circolare non trasferibile intestato al professionista delegato e inserito nella stessa busta unitamente all’offerta.

8) Le offerte saranno inefficaci se: a) pervenute oltre il termine fissato per la presentazione; b) inferiori al prezzo base; c) non accompagnate dalla cauzione di cui al punto 7).

9) Le offerte sono irrevocabili, salvo che: a) il Giudice ordini l’incanto; b) siano trascorsi 120 giorni dalla sua presentazione ed essa non sia stata accolta.

10) Ai sensi dell’art. 573 c.p.c, in caso di pluralità di offerte gli offerenti saranno invitati ad una gara sull’offerta più alta, ovvero, se vi è mancanza di adesioni alla gara, l’aggiudicazione potrà avvenire in favore del maggior offerente Nell’ipotesi in cui vi è istanza di assegnazione di un creditore ad un prezzo non inferiore al prezzo base dell’asta e dalla gara tra gli offerenti o il prezzo offerto dall’unico offerente risulta essere inferiore si procederà con l’assegnazione al creditore

 11) Entro le ore 12,00 del centoventesimo giorno dall’aggiudicazione dovrà avvenire il versamento del prezzo presso lo studio legale del professionista delegato a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato allo stesso, detratta la cauzione già versata e dedotta la somma corrispondente all’eventuale credito fondiario dell’Istituto procedente o intervenuto, somma quest’ultima che dovrà essere versata, nel medesimo termine, direttamente all’Istituto di credito a norma dell’art. 41 T.U. 01.09.1993, n.385.

12) Le spese di aggiudicazione e le successive, escluse quelle per la cancellazione di iscrizioni e trascrizioni, sono a carico degli aggiudicatari, ai sensi dell’art. 179 bis Disp. Att. C.p.c., i quali provvederanno anche al deposito di un fondo spese del 10% del prezzo di aggiudicazione nello stesso termine di cui al precedente punto 11) mediante assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato.

13) Si rende nota l’esistenza di apposita convenzione per la concessione di mutui ipotecari da parte di banche convenzionate, il cui elenco è disponibile sul sito internet www.abi.it e  presso lo studio legale del professionista delegato.

 

Per ogni altra condizione e modalità della vendita si fa espresso riferimento all'Ordinanza di vendita delegata del Giudice dell'Esecuzione Immobiliare del Tribunale di Trani ed alle vigenti disposizioni di legge.

IN OGNI CASO LA VENDITA:

  1. A) HA LUOGO NELLO STATO DI FATTO E DI DIRITTO IN CUI SI TROVANO I BENI, CON TUTTE LE EVENTUALI PERTINENZE, ACCESSIONI, RAGIONI ED AZIONI, SERVITÙ ATTIVE E PASSIVE;
  2. B) È A CORPO E NON A MISURA, SICCHÈ EVENTUALI DIFFERENZE DI MISURA NON POTRANNO DAR LUOGO A RISARCIMENTI, INDENNITÀ O RIDUZIONI DI PREZZO;
  3. C) NON È SOGGETTA ALLE NORME CONCERNENTI LA GARANZIA PER VIZI O MANCANZA DI QUALITÀ, SICCHÈ EVENTUALI VIZI, MANCANZA DI QUALITÀ, DIFFORMITÀ Ed ONERI DI QUALSIASI GENERE (ES. ONERI URBANISTICI, SPESE PER L’ADEGUAMENTO DI IMPIANTO ALLE LEGGI VIGENTI, SPESE CONDOMINIALI NON PAGATE DAL DEBITORE), ANCHE SE OCCULTI, NON CONOSCIBILI O COMUNQUE NON EVIDENZIATI IN PERIZIA, NON POTRANNO DAR LUOGO A RISOLUZIONI, RISARCIMENTI, INDENNITÀ O RIDUZIONI DI PREZZO, ESSENDOSI DI CIÒ TENUTO CONTO NELLA VALUTAZIONE DEI BENI.

Ulteriori informazioni relative alla vendita possono essere fornite dal professionista delegato.

Si consiglia di prendere attentamente visione per ciascuna vendita:

dell’ordinanza di vendita;

dell’avviso di vendita;

della perizia dell’immobile e suoi allegati.

I suddetti documenti sono reperibili 45 gg prima della vendita su uno dei seguenti siti internet:

astegiudiziarie.it;

asteannunci.it;

portaleaste.com;

asteimmobili.it.

Chi

Chiunque ne abbia interesse: persona fisica o società ad eccezione del debitore esecutato..

Cosa Occorre

Modulo E2 per la vendita con incanto o Modulo E3 per la vendita senza incanto reperibile sul sito internet della Tribunale e presso la Cancellerie delle Esecuzioni Immobiliari e Mobiliari;

- Fotocopia fronte/retro della carta d’identità;

- Fotocopia del codice fiscale;

- Estratto per riassunto degli atti di matrimonio o certificato di stato libero;

- Certificato Camera di Commercio;

- Dichiarazione d’offerta in aumento dopo l’incanto ai sensi dell’articolo 584 codice procedura civile (Modulo E4)

Dove

Per le procedure Esecutive Mobiliari e Immobiliari presso la Cancelleria Esecuzione Immobiliari e Mobiliari – (Piazza Trieste, Piano 1°).

Costo
  • n. 1 marca da bollo € 7,68 diritti per certificazioni urgenti;
  • n. 1 marca da bollo € 3,84 non urgenti;
  • n. 1 marca da bollo di € 16,00 sull’istanza di rilascio di certificato per uso diverso dalla riabilitazione;
  • n. 1 marca da bollo di € 16,00 sul certificato ad uso diverso dalla riabilitazione.
Tempistica

Da 2 a 5 mesi.