Come fare per


Rinuncia all’eredità
Cos'è

È la dichiarazione con cui un erede fa cessare gli effetti verificatisi nei suoi confronti a seguito dell'apertura della successione e rimane, pertanto, completamente estraneo alla stessa, con la conseguenza che nessun creditore del defunto potrà rivolgersi a lui per il pagamento dei debiti ereditari. La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una parte dell'eredità. La rinuncia all’eredità da parte di un soggetto incapace (minori, interdetti o inabilitati) può essere fatta esclusivamente con l’autorizzazione del Giudice Tutelare.

Chi

Lo/gli erede/i.

Cosa Occorre

Si presenta chi intende rinunciare presso il Tribunale competente secondo la residenza in vita del defunto, portando:

  • certificato di morte o dichiarazione sostitutiva; 
  • stato di famiglia al momento del decesso o dichiarazione sostitutiva; 
  • codice fiscale del defunto; 
  • copia documento d’identità e codice fiscale di chi rinuncia;
  • se esiste testamento, una copia autentica del verbale di pubblicazione.

Se la rinuncia è fatta in nome e per conto del minore, interdetto, inabilitato, benef. Amm. Sost, deve essere preventivamente richiesta l’autorizzazione al Giudice Tutelare (Modulo V4 – per il minore; Modulo V5 – per interdetto, inabilitato o beneficiario). I moduli sono reperibili sul sito internet della Tribunale o presso la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione.

Dove

Cancelleria Volontaria Giurisdizione (Palazzo Carcano - Via Beltrani n.°6, Piano Terra).

Costo
  • N. 1 marca da bollo da € 16,00;
  • Spese di registrazione € 200,00 da corrispondersi ad Agenzia Entrate (ufficio locale).

Alla richiesta della copia dell'atto: 

  • N. 1 marca da bollo da € 16,00;
  • N. 1 marca da bollo da € 11,54 per atti non urgenti, n. 1 marca da bollo da € 34,62 per atti urgenti.
Tempistica*

A vista, previo appuntamento con il responsabile dell’Ufficio. Nei casi in cui è necessaria invece l’autorizzazione (minori, interdetti o inabilitati) da parte del Giudice Tutelare sono necessari circa 30 giorni.

*salvo casi eccezionali